Come accedere al deep web – la guida per tutti

Il deep web vi incuriosisce, ma temete che accedervi sia una cosa da informatici incalliti? Vi sbagliate, e questa guida a prova di nonna ve lo dimostrerà.

Sempre più spesso si sente parlare del deep web, recentemente – ad esempio – per il caso delle password di Yahoo! rubate nel 2014 e rivendute all’interno della suddetta “rete sommersa”.

Ma cos’è davvero il deep web? Non è nient’altro che una rete alternativa in cui è molto più difficile tracciare gli utenti rispetto alla rete tradizionale.

Dato che si smette di temere quando si smette di ignorare, voglio essere per un giorno un moderno Virgilio e farvi fare due passi in qualche girone infernale. Vi garantisco che accedervi è di una semplicità imbarazzante. Prima ancora di cominciare voglio fare un piccolo gioco: cliccate qui. Il link non vi porta da nessuna parte? State a vedere.

F.A.Q pre-ingresso

E’ illegale entrare nel deep web?

Assolutamente no! State soltanto entrando in una rete che vi permetterà di non essere tracciati da siti come Google. Se non vi fidate fate pure qualche ricerca.

Cos’è illegale fare nel deep web?

Nel deep web è illegale fare cose illegali, un concetto lapalissiano direi. Ciò che voglio dire è che chiaramente comprare droga, visualizzare o scaricare (che è la stessa cosa) materiale pedopornografico, acquistare carte di credito clonate sono tutte cose illegali, ma lo sono a prescindere dal farlo nel deep web o fuori.

Ma se entro nel deep web prendo i VIRUS? Gli hacker saranno in grado di rubare tutte le mie foto e le mie password?

No, nel deep web siete difficilmente rintracciabili per tutti, non solo per Google o affini. Per non farsi rubare i dati e non prendere virus valgono le regole di buon senso che valgono anche nella rete normale.

Ma se non compro droga, non guardo materiale pedopornografico, non compro carte clonate, che ci vado a fare nel deep web?

Dare un’occhiata alla quantità di cose illecite che si possono fare nel deep web è senz’altro una cosa che stupisce nel senso negativo del termine, ma non c’è solo questo.

Innanziutto accedendo alla rete “Onion” (che è il vero nome della darknet) potete navigare anche nel web normale senza essere rintracciati. Oltre a questo potete accedere a siti che normalmente sono bloccati da governi anche per motivi di censura, ad esempio avete presente wikileaks? E’ nato prima nel deep web ed è ancora lì, sebbene ci sia la sua controparte nel web normale. Avete presente Reddit? C’è n’è uno alternativo anche nella darknet. Insomma, il deep web è il posto dove le informazioni, di qualunque tipo viaggiano libere e incontrollate.

Per me si va tra la perduta gente

La nostra porta d’ingresso al deep web è TOR browser, che altro non è che una versione di Mozilla Firefox modificata allo scopo. Potete scaricarlo qui:

  • Per Windows
  • Per Mac
  • Se invece siete su Android dovete scaricare questo e questo
  • Se siete su iOS vuol dire che siete ricchi e quindi dovete per forza spendere un euro e scaricare questo

Già fatto?

Una volta scaricato ed installato TOR Browser, avviandolo verremo connessi direttamente alla rete Onion: questo significa che una volta aperto il browser siamo già dentro, anche se per il momento si vede solo una paginetta di presentazione.

onion tor browser

In altro a sinistra noterete un simbolo a forma di cipolla, cliccateci sù giusto per notare la voce “new identity…” che vi permette di cambiare l’identità fittizia con cui accedete alla rete.

new identity tor browser

E adesso che si fa? Beh il porto di partenza per gli abissi è sicuramente l’hidden wiki. Ricordate il link di prima che non vi portava da nessuna parte? Eccolo qui:

http://zqktlwi4fecvo6ri.onion/wiki/index.php/Main_Page

Copiatelo e incollatelo all’interno di TOR Browser. Tutti gli indirizzi del deep web sono incomprensibili proprio come questo ed è per questo che bisogna avere un punto di partenza che è appunto l’hidden wiki.

Come potete vedere è una pagina che ricorda Wikipedia, un wiki per l’appunto. Ci trovate una serie di siti raggruppati per argomento, alcuni legali altri palesemente illegali. Avete visto com’è stato semplice?

Beh da qui in poi siete liberi di girare un po’ a caso. Avete tutto il necessario, ma fate attenzione ai siti che visitate. Quando visitate un sito che contiene immagini vuol dire che le state scaricando, a buon intenditor poche parole.

A volte la navigazione nel deep web può essere lenta, è del tutto normale, state passando attraverso tre proxy e tre processi di decrittazione.

Android e il deep web

Con Android la procedura per connettersi alla rete Onion è ugualmente semplice:

  • Aprite l’app Orbot
  • Cliccate a lungo sulla cipolla
  • Una volta connessi cliccate su Browser -> si aprirà Orfox

Siete connessi e pronti a navigare nel deepweb

Qualche link

Eccovi una serie di link .onion:

  • Il mitico The Pirate Bay
  • Duckduckgo il motore di ricerca che non vi traccia
  • Blackbook ovvero il facebook del deepweb
  • Wikileaks forms dove vengono fatti gli upload del materiale per wikileaks
  • Self destructing message si spiega da sè

Spero con questo articolo di aver svegliato il nerd che c’è in voi, ora potete andare a vantarvi con gli amici fingendo di essere un bravissimo hacker che sà addirittura entrare nel deep web. Fatemi sapere cosa pensate del deep web nei commenti e sentitevi liberi di condividere link interessanti.

Leave a Reply