Le università degli studi di Napoli e di Salerno accolgono i primi iscritti alla iOS Developer Academy italiana

Il colosso tecnologico statunitense ha posto le basi in terra nostrana per la crescita e la formazione dei futuri sviluppatori di app.

Dopo la stipula dell’accordo, qualche tempo fa, da parte di Apple e del governo italiano, è finalmente partita da qualche giorno la prima annata di studenti iscritti alla Apple Developer Academy, una sorta di master per futuri professionisti del settore, primo del suo genere in tutta Europa, per un totale di 200 iscritti su 4174 richiedenti. L’area che ospiterà i corsi era un vecchio fabbricato industriale di Cirio, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, che è stato ristrutturato integralmente, diventando un nuovo Polo dell’Università ‘Federico II’.

«Da qui si può rimettere in moto l’economia», ha dichiarato in un’intervista il sindaco De Magistris. «E chi ha scelto di rimanere a Napoli può finalmente non solo studiare ma anche decidere di rimanere e non lasciare la città, perché un lavoro se lo inventa». Sono infatti 151 su 200 gli studenti campani ammessi al corso. E’ inutile sottolineare come questa iniziativa possa rappresentare un vettore per la crescita e per lo sviluppo di territori che proverbialmente sono sempre stati considerati – a torto – arretrati; le potenzialità sono state per una volta colte, almeno così pare, dall’amministrazione: il presidente della regione Campania De Luca ha infatti promesso ulteriori investimenti in questo senso: 30 milioni per le infrastrutture, 7 milioni per le borse di studio agli studenti della iOS Academy, e trasporti gratuiti per raggiungere il campus.

iOS academy napoli ingresso

iOS academy napoli ingresso

L’ingresso del nuovo campus a Napoli

Se volete approfondire l’argomento, vi rimando alla pagina ufficiale della Developer Academy:

http://www.iosdeveloperacademy.unina.it

Le sorprese non finiscono qui. Mentre infatti a Napoli fervevano i preparativi per l’inaugurazione del nuovo corso e delle nuove strutture atte ad ospitarlo, a Fisciano (storica sede del campus dell’Università degli Studi di Salerno) veniva stipulata la convenzione tra Apple e l’ateneo campano. Il campus di Fisciano ospiterà infatti i corsi iOS Developer Academy Extension Program, ovvero di fatto un ulteriore corso, dello stesso tipo di quelli che sono stati organizzati a Napoli, per 120 studenti dell’ateneo selezionati tra i corsi di laurea in ‘ingegneria informatica’, ‘informatica’, e ‘business innovation and informatics’.

unisa aerial

unisa aerial

Il campus di Fisciano visto dall’alto

Il coordinatore del progetto sarà il prof. Vento, che ha dichiarato “Finalmente ci siamo, la iOS Developer Academy Extension Program di Apple a UniSa diventa una realtà. E’ un’iniziativa molto importante per i nostri studenti e un’imperdibile opportunità formativa per i nostri giovani, che li farà sentire in diretta connessione con la Silicon Valley, guidati da docenti della casa di Cupertino che insegnano al fianco dei nostri. Un sostanziale ulteriore investimento sul loro futuro”. Potete leggere l’intervista integrale al prof. Vento nel comunicato ufficiale sul sito dell’Università di Salerno.

Che sia l’inizio per la regione Campania, da sempre bistrattata e considerata fanalino di coda di un’Italia che tiene in poco conto il meridione, di una nuova età dell’oro della tecnologia? Noi ci speriamo, e siamo pronti a credere che con un po’ di ottimismo, persone capaci e lungimiranza potrà diventare la Silicon Valley italiana (e già ci sono alcune realtà importanti sul territorio, basti pensare per esempio ad ACCA Software).

Leave a Reply